Annunci del sito

(No announcements have been posted yet.)

Available courses

Il presente questionario, ha come scopo la rilevazione di elementi utili ad una ricerca su come i ragazzi della tua età vivono i rapporti con gli altri all’interno della tua scuola e per eventualmente capire come sia possibile migliorare le relazioni tra compagni e le performance scolastiche.

A volte tra ragazzi capita di litigare per diversi motivi: per una scortesia, per una incomprensione, e/o per tante altre cause. Sono cose che capitano normalmente perché non è sempre possibile andare d’accordo. L’importante è che poi tutto si sistemi senza particolari conseguenze.

In altri casi invece può capitare che un ragazzo o una ragazza della tua età possano diventare vittime di prepotenze continue da parte di uno o più ragazzi o ragazze ed essere sistematicamente presi in giro o offesi (di persona, con bigliettini o messaggi virtuali), esclusi dalla compagnia, minacciati, derubati, o picchiati.

Queste azioni di prepotenza continuata vengono definite azioni di “bullismo” e non sono da confondere con normali litigi tra ragazzi/e, perché provocano sofferenza in chi ne è vittima fino a rendere pesante lo studio e difficile l’idea di andare a scuola. Per la nostra ricerca è importante capire se queste cose accadono anche nella tua scuola, e qual è il tuo pensiero sui “bulli” e sulle “vittime”.

Non è nostra intenzione individuare i “bulli” per punirli, ma capire cosa succede per potere intervenire discutendo assieme di questi problemi.

Il questionario è anonimo.

Per noi è importante che tu lo compili da solo, senza chiedere suggerimenti ai tuoi compagni. Quando l’avrai compilato sarà infatti mescolato a quello degli altri, perciò rispondi tranquillamente e senza timori.

Non ci sono risposte giuste o sbagliate: a noi importa la tua opinione e la tua esperienza, per cui rispondi spontaneamente e senza preoccuparti.

Rispondi alle domande riferendoti solo al periodo di tempo trascorso dall’inizio dell’anno ad oggi.

Prima di iniziare ricordiamo una differenza molto importante.

Non si definisce "prepotenza" la lotta, la lite, l'insulto tra due persone o due gruppi di persone, all’incirca della stessa forza, nella realtà come sul Web.

Subisce delle prepotenze chi riceve colpi, pugni calci e minacce; chi viene rinchiuso in una stanza, riceve bigliettini con offese e parolacce; chi nota che nessuno puntualmente gli rivolge la parola e si sente escluso; chi viene preso in giro ripetutamente e con cattiveria. Quando capitano questi fatti, spesso chi subisce non riesce a difendersi.

Per questi ultimi casi affidatevi agli adulti, chiedete aiuto e, soprattutto, opponetevi in ogni modo alle prepotenze di cui venite a conoscenza.

Pove di Geogebra

Realizza una ricerca sulla figura di Gandhi

Testi della letteratura italiana analizzati in classe

1492 ccjiuccihbcocahbchjbcmartin

Svolgere a gruppi un lavoro di ricerca sui biomi